giovedì 9 febbraio 2017

La tartaruga rossa.. Ethel & Ernest

In questi ultimi giorni ho visto La Tartaruga Rossa.
Dopo un naufragio, un uomo si ritrova su un'isola deserta. Più volte tenta di fuggire  con una zattera ma una enorme tartaruga rossa glielo impedisce.
L'uomo riesce ad avere il sopravvento sulla tartaruga e la lascia a morire sulla spiaggia.. incredibilmente però, dal guscio di quella tartaruga vien fuori una ragazza con cui vivrà per il resto della sua vita.

Questo film d'animazione è di origine francese ma vanta la collaborazione dello studio Ghibli.
La vita dell'uomo sull'isola è il breve riassunto della natura umana fatta di forza, debolezza, rabbia, pentimento, amore come per magia... e poi ancora famiglia, sacrificio, gioia, disperazione fino alla fine dei propri giorni.
I disegni, gli scenari, le animazioni sono splendidi e.... a mio parere nulla di più.
Nonostante il film sia visivamente incantevole e sembra voglia trattare un tema toccante che riguarda l'uomo, non mi ha particolarmente emozionata; mi è sembrato che con le sue immagini e il suo silenzio (non ci sono dialoghi), avesse cercato di illudermi e incantarmi con la sua poesia per una storia che non trasmetteva nulla.
Insomma.. alla fine non ho potuto fare altro che chiedermi "e quindi???".. stessa domanda che mi sono posta per l'ultimo episodio del telefilm LOST (giusto per dare una idea del mio stato d'animo).
Lo suggerisco perchè è ammaliante ma personalmente non mi ha donato quello che sembrava presagire.
*



Ho visto anche il film d'animazione inglese Ethel & Ernest.
Ethel è una cameriera che lascia il suo lavoro per diventare la moglie Ernest; un allegro lattaio che le fa la corte.
I due si sposano e comprano una bella casa per la loro vita coniugale.. con qualche problema arriva il loro primo e unico figlio e pochi anni dopo anche la Seconda Guerra Mondiale che stravolge la loro spensierata vita.
La guerra sembra interminabile, li costringe a separarsi dal loro bambino e a vivere in una casa che giorno dopo giorno perde le sembianze che le avevano dato con tanto entusiasmo.
Il tempo continua a passare per l'inseparabile coppia e, tra gioie e sofferenze, la vita torna alla normalità e ad una amata routine che incontra le novità di un mondo che corre intorno a loro.

Tratto dalla graphic novel di Raymond Briggs, ambientata a partire dagli anni Venti, racconta la vita dei sui genitori dai loro primi incontri fino alla fine dei loro giorni.
Questa pellicola è parecchio toccante se si pensa che non è una semplice storia, ma l'omaggio di un figlio ai suoi genitori che hanno avuto una vita semplice e relativamente spensierata in periodo storico difficile e mutevole.
Ethel si mostra come una donna molto perbene, educata e amante delle apparenze. Non è interessata al mondo intero e ai suoi cambiamenti ma solo alla sua adorata famiglia; un donna così comune che potrebbe ricordare le nostre mamme.
Ernest invece ama seguire quello che accade intorno a lui, è un personaggio positivo e adorabile.
Con le sole parole non si può descrivere la dolcezza di questo film, ma basta guardarlo per capire che è intriso di emozioni e di un profondo affetto che non può fare a meno di coinvolgere lo spettatore.
Lo consiglio di certo.
*



Non è stato voluto, ma entrambi i film raccontano la quasi interezza di una vita: il primo la narra in un ambito quasi irreale al di fuori di ogni influenza umana, il secondo si apre a una situazione realistica dove la coppia protagonista è sempre condizionata dalle decisioni di altri uomini.
Entrambi i film però, hanno la stessa linea di avvenimenti nel contesto della vita dei personaggi.





Tutte le immagini che vedete in questo post sono pubblicate a puro scopo illustrativo... ^^'''

18 commenti:

  1. Mi sembrano entrambe segnalazioni interessanti.

    RispondiElimina
  2. La tartaruga rossa l'ho visto ieri sera e mi ha commossa. La storia è semplice ma in qualche modo è riuscita a toccarmi e quegli sfondi poi sono meravigliosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono proprio riuscita ad emozionarmi; mi sono solo piaciuti gli sfondi e i disegni in generale ma per il resto non mi ha trasmesso nulla..
      In rete ho visto che cmq è piaciuto a tutti.. forse sono io ad essere diventata una lastra di ghiaccio.. ;_;

      Elimina
  3. Ho appena visto il trailer di "La tartaruga rossa", quindi la tua recensione capita a fagiolo!
    Ethel & Ernest sembra molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto scoprendo che La Tartaruga Rossa ha lasciato impassibile solo me.. hahahaha!
      Poi spero di leggere la tua opinione! ;)

      Elimina
  4. Troppo "seri" per me ^^. Poi non sono amante della sensazione "e quindi?!", per cui passo per questa volta ^^.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella sensazione pare averla data solo a me.. ^^

      Elimina
  5. Li conosco entrambi, ma non ho ancora avuto il piacere di recuperarli. Spero di farlo presto

    RispondiElimina
  6. Sono entrambi nella mia watch-list, spero di recuperarli presto!

    RispondiElimina
  7. Spero di recuperarli entrambi!
    Un bacio!
    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.. seguo volentieri il tuo blog! ;)

      Elimina
  8. Sembrano interessante... sopratutto voglio vedere il secondo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo ti piacerà di certo perchè è realistico.

      Elimina
  9. La Tartaruga Rossa era uno dei film proiettati al Lucca Comics dello scorso anno e ho provato a vederlo in quell'occasione... inutile dire che, per via del mare di gente, non ci sono riuscita. Data la tua recensione, tuttavia, credo che lo recupererò con molta calma.

    Ethel & Ernest mi sembra già più interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ad altri piace molto... ^^
      I miei gusti sono sempre un po' particolari..

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...