giovedì 19 luglio 2018

Non si mangia..

Anche il mese scorso ho partecipato ad uno swap di oggettini per bambole Azone (il primo che ho fatto è QUI).
Ormai ci ho preso gusto.. probabilmente ce ne sarà un altro questo mese. ^^

Le cose che ho preparato per lo scambio sono stati essenzialmente vestitini:
Una borsetta con fantasia di cupcake e un abitino con Sailor Moon.
Siccome sapevo che la ragazza con cui ero in coppia per lo swap, possiede un "bambolo" maschio; le ho cucito anche degli abiti maschili:
Maglietta, pantaloni e boxer a cuori!
I boxer li ho trovati molto divertenti e ho fatto una foto al mio Antonio che li prova.. ^^


Dallo scambio ho ricevuto tanti cibi deliziosi che non si possono mangiare!
Sono miniature davvero stupende e perfette!!!
Vien voglia di mordere la crosta della pizza!


La ragazza che ha preparato queste delizie ha una pagina FB dove mostra i suoi lavori ed è possibile acquistare o chiede qualcosa; se vi va potete dare un'occhiata:
https://www.facebook.com/CandyMarketMiniature/

venerdì 13 luglio 2018

IZUMI

Nella mia cittadina (Gioia del Colle), per la prima volta, hanno aperto di recente un ristorante fusion-ma-essenzialmente-cinese che si chiama IZUMI.
In questo posto c'è la classica proposta All You Can Eat, menù alla carta o asporto.
Ci sono stata già qualche volta e non è affatto male.
L'interno è veramente carino e molto "fusion".. con pedana rialzata dove è possibile sedersi per terra o infilare le gambe nel "buco" sotto il tavolo dove i migliori precipitano inesorabilmente (da qui il detto "sono sempre i migliori che se ne vanno"), tavoli normali o tavolini con poltroncine.

Nel menù c'è un po' di tutto tra pasta saltata, ramen, sushi, roba in agrodolce, spiedini, ravioli...
Diciamo che c'è tanto da poter assaggiare.
La qualità del cibo è nella media; non è eccelsa ma resta cmq buona tanto da volerci tornare senza pensarci troppo su.
Ovviamente ci sono cose più buone di altri posti e meno buone di altri posti ma essendoci molta varietà, alla fine si trova sempre qualcosa che piace.
Ecco alcune cose che ho provato:
Ci sono tantissime varietà di sushi.. anche a base di frutta.. ^^
I classici che non tramontano mai..
Sushi fritto.. per coerenza con la diceria
che i cinesi friggono tutto!
Ravioli e i miei amatissimi panini al vapore!
Fagottini di carne (tipo "volevo essere un mignon di un nikuman")
e "cosa" di patate non meglio identificata.
Volevo provare il wakame... ho avuto l'onore
di mangiarlo tutto io perchè nessuno voleva osare! ^^
Spiedini di tonno scottato.

Come asporto le porzioni sono un po' più abbondanti... sono felicissima di avere la possibilità  di poter portare a casa qualche contenitore pieno di meraviglie!

Come dolci ho provato solo il gelato fritto alla fiamma e assaggiato vagamente una specie di tiramisù al tè verde ma non mi hanno entusiasmata.. sono prontissima però a provare altri dolci che sono sul menù e tornarci almeno altre 1000 volte! ^^
Inoltre aspetto che ci sia un po' più di fresco per prendere zuppe, ramen e udon! xD

Unica piccola pecca è il servizio un po' confusionario ma spero che col tempo possa migliorare!

Ora ho fame.. questo genere di foto è meglio non guardarle più!

lunedì 9 luglio 2018

Bunnysitter

Un po' di giorni fa sono stata a Bari.. ho portato a casa un bel bottino di manga!

Dal Disney Store c'erano dei prodotti scontati e ho preso la mini coppietta ufufy de La Bella e La Bestia.
In verità cercavo tutt'altro che avevo visto sul sito, ma finisce sempre che tra la merce del sito e il reale negozio c'è un abisso di differenza nei prodotti disponibili.

Altro acquisto generico è stato un set di timbri per i miei lavoretti!
Spero di usarli presto! ^^



In questi giorni sto facendo da bunnysitter ad una coniglietta che si chiama Fiore.
Questa coniglietta è TREMENDA!
Io sono abituata alla pacatezza e la tranquillità del mio Ciocoria quindi una ribelle come Fiore mi ha un po' spiazzata! ^^
È iperattiva, sprezzante, selvaggia... a tratti anche coccolona (ma solo a tratti).
Da del filo da torcere anche a Ponyo!
Purtroppo non ho potuto farla incontrare da vicino con Cicoria per evitare che tornasse a casa in dolce attesa di tanti piccoli "fiorellini".
Mi è un po' dispiaciuto perchè era evidente che volevano interagire (e per Cicoria è una cosa incredibile visto che in generale ha paura di qualunque cosa si muova compreso altri conigli), ma per questa volta è proprio impossibile! ^^

sabato 30 giugno 2018

Top Giugno 2018

Questo mese ho letto il manga Inuyashiki, l'ultimo eroe.
Ichiro Inuyashiki e un uomo di 58 anni che dimostra molto più della sua età; è sposato, ha due figli e conduce una semplicissima vita da impiegato fatta di continui sacrifici per la sua famiglia che sembra non apprezzare in modo particolare i suoi sforzi.
Un giorno Ichiro scopre di avere un grave tumore e non riuscendo a parlarne con i suoi cari, troppo impegnati a lamentarsi e vivere le proprie vite, esce di casa con il suo cane, unico a dimostrargli sincero affetto. Improvvisamente una forte luce travolge l'anziano e un ragazzo che si trovava nei paraggi. Ichiro si risveglia ore dopo l'accaduto e si accorge che qualcosa in lui è cambiato: il suo corpo è stato sostituito da una struttura meccanica con le sue identiche fattezze e provvisto di tecnologie estremamente avanzate rispetto a quelle umane.
Il nostro protagonista scopre le infinite potenzialità dal suo nuovo fisico e le usa per aiutare e salvare le persone sentendosi così ancora umano e pieno di sentimenti. Nel mentre, il ragazzo che era insieme a lui, cerca la sua umanità e le sue emozioni in modo del tutto differente.

Il protagonista di questa storia è relativamente atipico: anziano, goffo e probabilmente, senza l'aiuto di qualcuno più giovane, non sarebbe facilmente arrivato a scoprire quante possibilità offriva il suo nuovo corpo. Il suo antagonista l'ho trovato un po' assurdo perchè non mi è chiaro se sia un pazzo psicopatico o meno... ^^
Nonostante il manga sia composto da 10 volumi, la storia scorre davvero velocemente perchè è composto da tavole molto grandi di forte impatto visivo più che da dialoghi.
Non è una lettura impegnativa che lascia un segno ma resta cmq piacevole.
Il senso di lettura è da destra verso sinistra.
*



Negli ultimi tempi mi sono dedicata alla visione dell'anime Love Live! School Idol Project e Love live! Sunshine!!
Tutto è iniziato quando ho acquistato la bambola Azone di Chika (QUI), la protagonista di Love Live! Sunshine!!, e ho quindi deciso di vederne l'anime scoprendo, solo dopo alcuni episodi, che stavo guardando uno spin-off di qualcos'altro. ^^
Così mi sono ritrovata a dover necessariamente vedere entrambi gli anime, entrambi divisi in due stagioni da 13 episodi! ^^

Love Live! School Idol Project
Honoka Kosaka è una studentessa di Tokyo che frequenta il secondo anno all'istituto Otonokizaka.
Purtroppo la scuola è un po' vecchiotta e non esattamente al passo con i tempi rispetto a istituti molto più moderni quindi scarseggia di nuove iscrizioni ed è costretta a dover chiudere.
Honoka è molto affezionata all'istituto che è stato frequentato anche da sua madre e decide di fare qualcosa per incrementare le iscrizioni così, notando che la cosa va molto di moda e rende popolari, decide di fondare un Club di School Idol che possa attirare le studentesse.
Il primo ostacolo che le si pone davanti è trovare membri per il club e in seguito farsi apprezzare. Con il tempo e grande impegno viene formato il gruppo delle μ's e il loro obiettivo diventa sempre più grande dato che il progetto di salvare la scuola si trasforma nel sogno di 9 ragazze che si mettono in gioco per poter partecipare al Love Live: la competizione nazionale di School Idol.

Love Live! Sunshine!!
Chika Takami è una studentessa di una scuola situata in uno sperduto posto di provincia vicino al mare.
La sua vita sembra trascorrere monotona e banale fino a quando, durante un gita scolastica a Tokyo, scopre l'esistenza delle School Idol e decide di voler brillare come ha visto fare al gruppo delle μ's senza ancora riuscire a comprendere cosa fosse quel bagliore.
Chika comincia così a reclutare ragazze per fondare un Club di idol. Quello che però inizialmente era un obbiettivo personale basato sulla vaglia di cambiamento, diventa la speranza di salvare la sua piccola scuola dalla chiusura a causa dei pochi iscritti proprio come era successo per le μ's.
Il posto dove vive Chika però non è Tokyo e avere visibilità diventa una sfida davvero grande per il gruppo delle Aqours.

Questi due anime sono stati sicuramente creati per il numero immane di merchandising proponibile dato che per ognuno di loro ci sono 9 ragazze che compongono il gruppo, ognuna con caratteristiche diverse ben definite su cui creare oggetti di ogni genere... oltre il fatto di essere Idol che cantano tante canzoni con costumi di scena sempre differenti; insomma, una perfetta macchina per far soldi (in rete è possibile trovare centinaia di figure, CD, giochi, bambole, gadget di ogni genere...).
A parte questo dettaglio, sono anime molto graziosi e ben realizzati con ragazze accomunate da un sogno che le rende unite e speciali.
Mentre guardavo gli episodi ho sinceramente pensato che se avessi avuto un (bel) po' di anni in meno, avrei amato molto di più questo anime per la sua spensieratezza, il suo entusiasmo e i suoi buoni sentimenti... ma alla mia età penso di aver oltrepassato quella parentesi trasognante anche se è conservata in me in maniera più oggettiva.
In conclusione penso sia un carinissimo e frizzante anime per una certo target di età e un intrattenimento gradevole per chi ama il genere.
*



Per concludere ho visto il nuovissimo film d'animazione Mary e il fiore della strega.
Mary Smith è una ragazzina dai crespi capelli rossi che si trasferisce da una prozia.
Un po' condizionata dal suo aspetto di pel di carota e un po' travolta dalla sua impetuosità, Mary risulta irascibile, imbranata e goffa.
Durante una passeggiata solitaria, la protagonista si imbatte in due gatti che la conducono vicino ad un misterioso e bellissimo fiore che Mary coglie senza indugi.
La linfa di questo fiore donerà a Mary un potere straordinario che la trasformerà in una potente strega per una notte tanto da venire scambiata per una vera strega e accolta in una università di magia.

Questo film, come molti sapranno è la prima opera dello Studio Ponoc e vanta la regia di un ex collaboratore dello Studio Ghibli: Hiromasa Yonebayashi.
La storia è tratta da un romanzo di Mary Stewart.
Non posso assolutamente negare che ci siano moltissimi dettagli (a partire dallo stile di disegno) che ricordino lo Studio Ghibli ma ho ugualmente trovato questa opera davvero bella.
Mary è un personaggio molto ben realizzato; una bambina un po' scoraggiata dal suo modo di essere che nel diventare strega viene elogiata e invidiata dal mondo magico per la sua potenza e i suoi capelli rossi. Nonostante Mary non abbia meriti, da bambina quale è, adora sentirsi lodata, ma quando si rende conto che non ha fatto realmente nulla di cui vantarsi e che anzi, ha combinato un gran pasticcio mettendo in pericolo un ragazzino che le stava antipatico, prende tutto il suo coraggio e cerca di salvarlo anche senza poteri, anche con il suo essere imbranata perchè non le serve la magia per essere una persona migliore, ma solo più sicurezza in se stessa.
Purtroppo in rete ho letto molti commenti negativi (alcuni di una volgarità che mi ha lasciata interdetta e trasmesso una profonda ignoranza) che parlavano di un film banalmente copiato dallo Studio Ghibli incapace di trasmettere qualcosa, ma io non la penso così (anche perchè la storia è tratta da un libro, non è una composizione di pezzi di storie Ghibli come alcuni hanno affermato); credo che questa sia una bellissima opera, magari non la mia preferita, ma di certo apprezzabile e ricca di emozioni. Spero di poter vedere presto nuovi lavori dello Studio Ponoc con l'aspettativa che si distacchino un po' dal'estetica Ghibli trovando uno stile più personale.
*






Tutte le immagini che vedete in questo post sono pubblicate a puro scopo illustrativo... ^^'''

martedì 26 giugno 2018

Ciao zio, come va?

Tempo fa mi sono recata in un negozio che vende un po' di tutto.. non saprei nemmeno definire che tipo di posto sia! ^^
Quando però cerchi qualcosa senza sapere cosa desideri, probabilmente in quel negozio la trovi!
Io ci ero andata per prendere roba sterminazanzare non meglio identificata e non so come, mi sono ritrovata nel reparto giocattoli (come sarà capitata questa cosa?????).
Fra i vari giochi tarocchi/cinesi/imitati male, a volte si trova qualche originale che proviene da rimanenze di altri negozi.
Questa volta mi sono imbattuta in una cosa interessante: delle bambole risalenti al 1995 ispirate all'anime "Un incantesimo dischiuso fra i petali del tempo per Rina".. o semplicemente "The Slayers".
L'anime era davvero molto carino: un fantasy vivace, misterioso e divertente.
Sarebbe bello rivederlo perchè ho ricordi un po' frammentati.
Ho anche il manga ma l'ho letto decenni fa.. ^^
Il set di bambole è stato proposto dalla GIG e comprendeva Rina, Guido (perchè GUIDO se si chiama GOURRY??? Mio zio si chiama GUIDO e sta cosa mi ha provocato un grosso trauma!!!!), Amelia e Zeno che però non ho trovato nel negozio e che non credo avrei preso perchè non mi è mai piaciuto come personaggio visto che era uno dei "cattivi".
Immagine presa da Amazon.
Non ho mai compreso perchè la GIG avesse prodotto Zeno e non Zelgadis che faceva parte del quartetto di protagonisti sempre in viaggio e coinvolto in tante (dis)avventure... :s
In qualunque caso, all'epoca, non ho comprato nessuna di queste bambole perchè le ho sempre trovate brutte!
Anche ora le trovo brutte, ma erano tutte e tre sole e tremendamente vintage su quello scaffale polveroso fra strani bambolotti deformi che imitavano malamente qualcun'altro..... poi le davano a 5 euro l'una.. insomma, la nostalgia ha prevalso e le ho prese tutte e tre.
Nelle loro scatole era inclusa una scheda e un qualcosa che credevo fossero spillette..
...aprendo la confezione ho scoperto essere invece dei copribottoni che negli anni '90 andavano tanto di moda (Moz correggimi se sbaglio).
Avevo rimosso questi accessori ma rivedendoli ho ricordato di averne avuti anche di altri personaggi e addirittura di Topolino e la sua banda perchè li trovavo nel suo giornalino a fumetti! @_@

Le bambole non sono eccezionali, l'unica cosa che ho trovato fatta davvero bene sono le armature e le armi. Le spade hanno la lama che si illumina al buio e dietro le armature c'è una fessura per riporle.
I corpi delle bambole hanno il classico vecchio stile Barbie e sono di un pallore cadaverico.
Gli abiti sono supersintetici-stralucidi in linea con quelli di altre bambole del periodo.

Guido è decisamente il più orribile con i suoi capelli scolpiti nel viso (non sarebbe stato un pochettino meglio applicarli su un viso e non farne un unico pezzo???) -_-
La cosa più strana è stato scoprire che i suoi abiti erano incollati alle giunture di braccia e gambe impedendone i movimenti, infatti credevo che non avesse alcun tipo di mobilità e fosse un unico blocco, invece ha una buona posabilità dopo aver tolto la colla dalle giunture.

Direi che non sono bambole eccezionali ma sono certamente graziose per i nostalgici collezionisti.
Personalmente non le avrei mai prese se non le avessi a trovate ad un prezzo così misero perchè non credo meritino troppo! ^^


giovedì 21 giugno 2018

Quando il cervello è in sciopero...

Dopo aver comprato la bambola Azone di Chika (QUI), ho fatto un paio di mini fotostorie da pubblicare sul gruppo FB dedicato a queste bamboline.
Dato che ormai le ho belle e pronte, le metto anche qui sul blog... probabilmente sono le più insensate che io abbia mai fatto.
Ogni tanto ripenso alle mie vecchie fotostorie con le Barbie e a quelle che avrei voluto ancora fare per chiudere delle vicende (soprattutto quella di Ryan e Alera per chi ancora li ricorda) ma ormai mi sembra una cosa "strana" e non saprei come ricollegare tutto il filo del discorso! Ci penserò... magari un giorno ne farò qualcun'altra... ^^

Ministoria 1:



Ministoria 2:



...mi sono divertita a modificare un po' l'espressione dei volti con il PC! :p
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...