mercoledì 22 gennaio 2020

Pocanza creativa di Natale

Dato che sono stata impegnatissima con delle commissioni di lavoretti che finalmente stanno volgendo al termine e che a breve vi mostrerò, per questo Natale la mia produzione handmade è stata davvero scarsa!
Ho realizzato giusto qualcosina per poche amiche e parenti.
Ho completato 4 babbetti di Natale che avevo cominciato lo scorso anno.
Hanno un campanellino che li accompagna e si possono appendere all'albero.

Queste casette in feltro hanno una porticina che si apre e contengono dei cioccolatini.
Anche loro possono essere appese come decorazione.

Per mia madre ho realizzato un centro tavola con pigne, bastoncini di cannella, anice stellato e tutta quella robina secca che fa tanto Natale.

I miei biglietti di Natale sono stati pochissimissimi (al fronte di tutti i regali che ho fatto sono stati veramente una miseria) e per realizzarne il soggetto ho usato le fustelle delle bimbe Gorjuss modificandole un pochino per l'occasione.




Da tempo dico che avrei mostrato qualche abitino fatto alle mie bambole... questi li ho realizzati in estate e poi ho completamente dimenticato di postarli! ^^'''
Non è mai troppo tardi.
Appena sarò più libera spero di realizzare qualche altro vestito soprattutto perché ho un mare di stoffe comprate appositamente per questo scopo e ancora non riesco a sfruttarle.
La salopette viola l'ho dovuta vendere ad una ragazza che la voleva tantissimo anche se non l'avevo affatto ideata per la vendita ma per tenermela. ^^'''



venerdì 17 gennaio 2020

Bottino natalizio pets

Ed ecco un post supplementare di regali di Natale.
Quest'anno (come è già capitato altre volte) i miei numerosi pelosetti hanno avuto dei regali molto graditi.
Una mia amica ha regalato ai porcellini d'india (Cipo e Dobby) e al coniglio (Cicoria) una busta di fieno, alla cagnolina (Iside) degli snack e lo stesso anche per i miei gatti (Ponyo e Pazu).
Il tutto in una shopper che terrò per me.

Un'altra mia amica mi ha regalato una ciotola e tanti giochini per Ponyo e Pazu, e una pannocchia di legno per roditori.



Ovviamente anche io ho fatto dei piccoli regali ai miei bimbetti.. niente di troppo diverso dal solito perché in fondo sono animali e, a differenza degli uomini, non chiedono mai nulla di più rispetto a quello che già hanno.
Per i mici ho preso una confezione natalizia di scatolette che a ben vedere, a livello economico, conveniva mooolto di più rispetto alle stesse pappe vendute normalmente nello stesso negozio.


Per i porcellini e il coniglio ho preso queste piccole scatolette contenenti fieno, fiori, frutta secca e un piccolo albero di natale in fieno pressato.


Per i pappagallini (Morgan e Tetra) ho realizzato (con l'aiuto di mio fratello) un albero di Natale adatto a loro e ad essere distrutto da loro.
Quest'anno infatti non ho fatto l'albero di Natale sintetico perché sarebbe stato nocivo per i pappagallini che becchettano tutto quando li lascio liberi di scorrazzare per casa; oltretutto Pazu è un gatto che adora la plastica e faccio del mio meglio per non lasciarne in giro in modo tale che non la ingerisca.
Anche il pino vero che ho usato lo scorso anno è dannoso perché la resina è nociva per i pennuti e inoltre Ponyo, il precedente Natale, ne ha mordicchiato gli aghi col risultato che la sua faccia si è gonfiata come un palloncino. La cosa assurda è che ha continuato a farlo nonostante tutto e ho dovuto mettere l'albero in terrazza, lontano dalla sua portata. >_>


Per Iside ho preso un carinissimo contenitore di latta per le crocchette. Con la sua paletta dosatrice è davvero comodo e penso proprio che lo prenderò anche per i miei gatti.
Per le salamandre invece c'è stata una semplice pappa extra di pesce fresco, per i pesciolini (che non sono stati la pappa extra delle salamandre) un poco interessante integratore di mangime a base di aglio.
Le tartarughe sono in letargo e il Natale se lo perdono, la vita è ingiusta! xD



mercoledì 15 gennaio 2020

Bottino natalizio

Con un certo ritardo vi mostro i regali che ho ricevuto a Natale.
Mi sono accorta che sono davvero tanti messi tutti insieme. 
Di solito li posto in maniera più frammentata perché a volte i pacchi arrivano in ritardo o scambio i regali di Natale dopo le festività per motivi vari.
Questa volta è la pubblicazione sul blog ad essere in ritardo quindi ho potuto vederli complessivamente.

AnnMeri ha realizzato per me un calendario, una casetta che ha riempito di regali e una intera befana con annesso il sacchetto pieno di dolciumi.
Nella casetta ho trovato fustelle, notes, tisane con dispenser fatto a mano, cuffietta da doccia, candela, quaderno, cioccolato...
 ...e la Qposket di Ariel.
 Le mie due bellissime "rosse" sono in vetrina insieme.



Altri regali sono stati: saponi.

Orecchini, saponette naturali, un buono Amazon, una borsetta termica.

Lo so che la vostra attenzione è catturata da Ponyo e Pazu ma in basso c'è un piccolo maneki-neko e un gattino portachiavi con sensore per il rumore che serve a ritrovare le chiavi: battendo le mani miagola ma con la confusione che ho in casa e soprattutto, con le strilla di Morgan e Tetra (i miei pappagallini), finisce per miagolare più spesso del dovuto! xD

Una scatola di legno per le bustine di tè.

Un paio di calze davvero speciali: sono le calze ufficiali ispirate al gioco Untitled Goose Game. Unico gioco al quale io abbia giocato negli ultimi anni e del quale ho incredibilmente portato a termine il primo livello. Spero di poterci giocare ancora perché lo adoro.
Come noterete, queste calze hanno la doppia funzione di marionetta... gli oggetti hanno sempre più utilità di quelle che appaiono esattamente come nel gioco.

Materiali creativi fra cui: decorazioni, una taglierina, blocchetti di carta decorata e uno scatolone di colori a matita (i colori mi fanno sempre brillare gli occhi).

Un segnalibro, una tisana alla frutta, un bicchiere da viaggio in stile americano che bramavo da un po' (non riuscivo mai a trovarne uno come lo desideravo, questo è perfetto).

La graphic novel Bianca Little Lost Lamb che sembra stupenda, il dolce libro illustrato Il Riccio nella Nebbia e il nostalgicissimo DVD Le Avventure di Bianca e Bernie.

Quest'anno ho avuto tanta robina per ingrassare meglio e con più ardore.
Biscottini Goccia di Lacrima aromatizzati al vino e il deliziosissimo vino aromatizzato alla visciola (un parente della ciliegia)... più 'mbriaca di così non si può! Meno male che Ponyo è la mia compagna di bevute!
Più salutari sono altri biscottini allo zenzero accompagnati da una tisana.

Chi più ciccia ha, più ne metta... confettura e crema spalmabile Pan di Stelle.

Set di barattoli-che-regalarli-vuoti-sta-male, quindi sono stati riempiti di biscottini fatti a mano delle mie parti (taralli dolci e salati).
In verità ho avuto molti altri dolci fatti a mano ma non ho fotografato tutto! ^^



Dalla mia corrispondente giapponese ho ricevuto ancora immancabili cibarie fra cui cioccolatini, praline di KitKat al cioccolato ruby, un preparato per cappuccino matcha e, come fosse una barzelletta, dei noodles a bassissimo contenuto calorico che credo siano fatti di konjac.
Ho già assaggiato della pasta di konjac; non è idilliaca per il palato ma in caso di necessità o ferma volontà di essere a dieta, credo sia davvero un'ottima soluzione (peccato sia abbastanza cara).
Nel pacco c'erano dei carinissimi cioccolatini di One Piece, dei Pokemon di zucchero e quello che la mia corrispondente definisce "confetti paralleli"; questo perché lei ha ricevuto durante un matrimonio e altre cerimonie, queste palline in regalo nello stesso modo in cui da noi vengono dati i confetti. Peccato che queste palline colorate siano fatte di una pastella soffiata (forse di riso) leggerissima e quasi inconsistente che non ha sapore... insomma, lontani anni luce dai nostri bei confettazzi ripieni di cioccolato, mandorla o nocciola, o frutta, o liquore o chi più ne ha più ne metta. :p
Oltre le cibarie, mi ha inviato una Qposket di Kitaro dei cimiteri nella sua versione più moderna (probabilmente ispirata alla serie TV del 2008) accompagnata da una cartolina con un'antica illustrazione di un kappa.

martedì 14 gennaio 2020

Anime power! 5 sigle per cominciare bene l'anno


Continua quella che, da questo anno, Iya&Ceres del blog Let's Talk About It ha ribattezzato collaBLOGazione! xD
Questa volta vi proponiamo una mini classifica di sigle che possano dare carica a questo nuovo anno.
Onestamente io non sono per nulla carica (buoni propositi addio) perché non sono ancora riuscita a terminare quello che mi ero prefissa per la fine delle festività. Credo che la mia vaga libertà di tornare a leggere slitterà al mese di febbraio... forse.
Inoltre non sono una gran patita di sigle. Anni fa le apprezzavo di più e le riascoltavo spesso, ma di recente non le tengo troppo in considerazione quindi i miei titoli saranno un po' datati. ^^'


01- Opening dell'anime Paranoia Agent.
Si tratta di "Dream Island Obsessional Park" realizzata da bravissimo Susumu Hirasawa.
Questo musicista ha lavorato in più occasioni con l'ormai scomparso regista Satoshi Kon, uno tra i miei preferiti in assoluto.
A mio parere il connubio è stato assolutamente perfetto perché i lavori fortemente psicologici del regista hanno trovato una combinazione perfetta con le oniriche musiche di Hirasawa; basta guardare il film d'animazione Paprika per essere completamente catturati dalla loro collaborazione.
Questa opening è sicuramente fra le mie preferite di sempre e ancora oggi l'ascolto spessissimo.




02- Opening dell'anime Wolf's Rain.
"Stray" di Steve Conte apre questo anime che colpisce più per il suo impatto drammatico che per la trama in sé.
Le sigle di apertura e chiusura sono splendide e accompagnano in modo perfetto l'atmosfera della storia.
Sicuramente sono musiche malinconiche e pesantucce che nulla hanno a che vedere col "POWER" del titolo della collaBLOGazione ma abbiate pietà di me che sto tentando di uscire dal tunnel dei lavoretti commissionati!




03- Ending dell'anime Loveless.
Visto che siamo caduti nel malinconico, vi darò un'ulteriore bastonata con "Michiyuki" di Kaori Hikita, una ballata molto pacata che potrebbe fare da sonnifero.
Non so esattamente perché, ma ho avuto una specie di colpo di fulmine per questa canzone.
Di certo è l'opposto del grintoso che servirebbe per il nuovo anno, ma durante l'arco della giornata si dovrà pur dormire o mi sbaglio (io forse non dovrei per riuscire a fare tutte le cose che vorrei fare)?
Le prossime saranno più allegre, promesso!




04- Opening 1 dell'anime Great Teacher Onizuka.
"Driver's High" dei L'arc en Ciel.
Questo è un anime che non si può non amare (ho tuuutti i manga correlati alla storia e non li ho ancora letti... ehm!) e la sua prima sigla di apertura è stata un superbo biglietto da visita! Non solo è cantata da un gruppo che ho sempre molto apprezzato, ma ha anche un fantastico impatto visivo nel video che l'accompagna.




05- Opening 4 dell'anime Full Metal Alchemist.
Fra le tante sigle di Full Metal Alchemist (compreso il successivo Brotherhood), "Rewrite" degli Asian Kung-Fu Generation resta la mia preferita.
Credo che la cadenza vocale del cantante mi abbia messo un tarlo nel cervello.
In effetti ho subito riconosciuto stile e voce anche nella Opening 2 di Naruto: "Haruka Kanata".
Non so dire cosa possa determinare le mie preferenze musicali dato che non ascolto molta musica e sicuramente c'è tanto altro che dovrei ascoltare, ma queste mi sono rimaste impresse più di altre.









Le immagini che vedete in questo post potrebbero essere coperte da copyright e sono pubblicate a puro scopo illustrativo... ^^'''

martedì 31 dicembre 2019

Top Dicembre 2019

Nel mio recente delirio generale, non potevo non attirare a me un anime altrettanto delirante: Happy Sugar Life.
Satou è una studentessa bellissima e adorabile.
Purtroppo è rimasta orfana dei genitori da piccola ed è stata affidata ad una zia alquanto squilibrata (oltre che ninfomane e masochista) quindi ha sempre cercato l'amore nel modo sbagliato passando di ragazzo in ragazzo.
Un giorno però Satou trova la piccola Shio, una bambina abbandonata che a causa del trauma sembra non ricordare molto. Satou vede in questa bambina la purezza dell'amore e la tiene chiusa in casa cercando di proteggere il piccolo angolo di paradiso che è riuscita a ritagliarsi nella crudeltà del mondo (un sequestro in piena regola).

Onestamente questo anime avrebbe potuto dare qualcosina ma presenta una serie di grossissime problematiche: mi sta bene che la protagonista sia una folle invasata; dopotutto è la peculiarità della storia... il vero problema è che TUTTI i personaggi di contorno hanno seri e gravissimi problemi tanto da far sembrale l'anime un girotondo di matti senza capo ne coda. La zia ninfomane, l'amica depravata, il compagno pedofilo, la collega emulatrice, il capo perverso, l'insegnante lolitomane... NON SE NE SALVA UNO! Ovvio che la protagonista viva nella follia e nell'ossessione.
Direi che non posso assolutamente consigliare un anime del genere perché davvero non ha un minimo di senso visto che è un manicomio isterico. Ne ho parlato solo perché non ho avuto modo di vedere qualcosa di meglio! Scusate; una conclusione dell'anno davvero orrenda! ^^
*












Le immagini che vedete in questo post potrebbero essere coperte da copyright e sono pubblicate a puro scopo illustrativo... ^^'''

lunedì 30 dicembre 2019

2020, 5 (non) propositi per in nuovo anno.


Da tempo non faccio più propositi per il nuovo anno; ormai so che non riesco mai a realizzarli! >_>
Questa volta però mi trovo a riesumarli per la mia collaborazione con Iya&Ceres del blog Let's Talk About It.



01- Lettura
Il mio cruccio più grande è sempre il trovare tempo per leggere.
Compro tanti manga ma ne leggo veramente pochissimi. Ho un sacco di libri e l'80% di loro non ha mai visto la luce.
In passato stilavo liste di titoli da leggere durante l'anno che col tempo si sono ridotte a "vorrei leggere un qualcosa qualunque giusto per non dimenticare come si fa".
Quest'anno vorrei leggere qualcosa in più perché alcuni avranno notato che, in molti casi, nell'intero arco di un mese, riesco a leggere un solo volume unico. Che vergogna!



02- Visione
"Visione" non è intesa come allucinazione che prima o poi avrò, ma come visione di anime/drama/serieTV.
È mai possibile avere a disposizione Netflix e Amazon Prime Video senza riuscire a vedere almeno una serie al mese??? Io ci riesco benissimo!
Sono una specialista del non avere tempo di sedermi sul divano perché, la sera, dopo il lavoro, devo necessariamente fare delle faccende domestiche che mi portano a svenire direttamente sul letto senza concepire la presenza di un divano.



03- Dinamicità
Ogni anno mi riprometto di fare un po' più movimento perché a lavoro sono quasi sempre seduta e la ciccia in eccesso non ha pietà di me. Non riesco a immaginarmi in palestra quindi penso sempre di aver modo di fare esercizi per conto mio. Il mio entusiasmo iniziale però si spegne abbastanza in fretta.
Quest'anno è arrivata a casa la piccola Iside e ho immaginato le grandi passeggiate che avremmo fatto insieme e che mi avrebbero portata a cimentarmi nella salutare attività del camminare..... peccato che Iside sia una vera pigrona che rincorre solo la gente che mangia per strada un gelato o un panino per cercare di scroccarne un pezzo come fosse una poraccia che ha fame (e facendomi fare figuracce di continuo).



04- Ordine
In casa non ho tantissimo spazio e la mancanza di fortuna (nel trovare le misure che voglio) e soldini, mi impedisce di avere i mobiletti giusti per sistemare quello che sono gli accessori indispensabili per coltivare i miei molteplici hobby (forse ne ho troppi?).... morale della favola: ho sempre una confusione allucinante fra le mie cose! Tento sempre di sistemare tutto ma poi, non appena comincio un nuovo lavoro o progetto (senza contare quelli sospesi da anni e anni), mi ritrovo punto e a capo.
Sostanzialmente ho rinunciato all'ordine ma ogni anno spero di migliorare o di trovare quello che cerco per organizzare il mio materiale (è un tentativo disperato di dare la colpa ai mobili piuttosto che a me).



05- Pelosetti
Voglio tanto tanto tanto poter passare più tempo con i miei animaletti.
So di averne un po' troppi ma molti sono capitati da me per caso e non potrei mai rinunciare a prendermi cura di ognuno di loro. Il tempo che ho a disposizione è sempre troppo poco.
Non so esattamente come risolvere questo proposito perché non dipende completamente dalla mia volontà ma spero di ritagliare più tempo da dedicare a ognuno loro.
Se riuscissi a coltivare il proposito numero 2, magari potremmo starcene tutti sul divano a guardare la TV.

martedì 24 dicembre 2019

...è arrivato Natale? Ops!

Questo Natale sembra essere arrivato in un baleno e io non sono nemmeno riuscita a rendermene conto!
Sono stata così concentrata su altro e talmente assediata dal raffreddore che ho realmente compreso del suo arrivo quando ho visto il mio paese insolitamente addobbato per la festa mentre passeggiavo con Iside! 

Quest'anno mi è sembrato tutto molto più carino del solito, forse perché i privati hanno avuto più iniziativa dato che il Comune in sé è molto povero di spinte verso questo genere di cose (per dirla tutta non hanno mai un soldo da spenderci).

Non sono mancate graziose bancarelle qua e là... nulla di eccessivo ma ugualmente molto belline da vedere.

I miei piccoli acquisti sono stati: un segnalibro disegnato a mano, una scatolina di latta con un adorabilmentefluffoloso coniglio che suona il piano e un infuso di frutti delizioso.



Non mi resta altro che augurarvi un BUON NATALE!





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...