lunedì 31 agosto 2015

Top Agosto 2015

Sono riuscita a leggere il manga Genkaku Picasso.
Hikari Hamura è uno studente liceale egocentrico, asociale e menefreghista che viene soprannominato Picasso a causa della sua passione maniacale per il disegno.
Un giorno, come di consueto, si reca sulla riva del fiume per starsene da solo a disegnare ma la sua compagna di classe Chiaki lo segue. Proprio in quel posto e in quel momento, precipita un elicottero che causa la morte di Chiaki mentre Picasso resta lievemente ferito.
Dopo il brutto incidente Picasso si accorge di qualcosa di incredibile: nel taschino della sua giacca vive Chiaki sotto forma di piccolo angelo. La ragazza gli spiega che lui è salvo soltanto perchè lei ha pregato intensamente che la sua vita e il suo talento non andassero perduti, ma questa salvezza richiede un piccolo sacrificio; ovvero aiutare gli altri.
Picasso, a cui non importa degli altri e che non è assolutamente in grado di relazionarsi, è molto riluttante alla cosa ma ben presto scopre di non potersi sottrarre al suo destino; non solo perchè se non aiuta gli altri il suo corpo inizia a putrefarsi, ma anche perchè quando i suoi occhi percepiscono il malessere negli altri, la sua mano non può fare a meno di disegnare la loro anima e senza volerlo, Picasso e Chiaki vengono risucchiati dal disegno dove devono cercare di risolvere il problema.

Questo manga in 3 volumi è davvero meraviglioso!
I disegni sono molto belli, la trama è interessante, tutti i personaggi sono caratterizzati splendidamente.. soprattutto il protagonista che suscita il contrastante sentimento di coccolarlo e prenderlo a sberle nello stesso momento!
Nonostante "aiutare gli altri" sembri un compito impossibile, la richiesta silenziosa di aiuto viene da persone che sono vicine al nostro eroe.. basterebbe osservare con più attenzione per capire chi ha bisogno di un piccolo sostegno o consiglio.
La storia si presenta profonda ma l'autore riesce a renderla piacevole e a tratti divertente nonostante affronti tematiche abbastanza inquietanti visto che si tratta dell'animo umano.
Mi sono molto emozionata nel leggerlo.
Il finale è davvero bello e commovente.
Promuovo pienamente questa opera e la consiglio a tutti.
Il senso di lettura è da destra verso sinistra.

..ecco uno dei miniposter presenti in ogni volume.. stupendo!
*



Ho visto il film Memories of Matsuko.
Sho si è trasferito a Tokyo per tentare di diventate un musicista ma a quanto pare non è riuscito a combinare nulla.
Un giorno va a trovarlo suo padre, un uomo parecchio distaccato, che gli chiede di svuotare la casa della propria sorella Matsuko ritrovata morta in un prato. Il ragazzo, che nemmeno ricordava di avere una zia, si reca sul posto e si ritrova in un appartamento squallido e stracolmo di rifiuti.
Grazie ai racconti di svariata gente, riesce a ricostruire come un puzzle, quella che è stata la vita di sua zia.

Matsuko fin da piccola ha creduto di non essere amata da suo padre e dalla sua famiglia, così finisce per innamorarsi dell'idea di amore finendo in situazioni tanto assurde quanto terribili, seguendo testardamente le sue convinzioni.
La storia di Matsuko è in grado di coinvolgere e incuriosire lo spettatore fino alla fine.
Il film è certamente ben realizzato.
Personalmente credo che valga un'occhiata!
*



Ho anche visto due film di Kaneto Shindo:

Onibaba, le assassine.
Una donna e la moglie di suo figlio vivono in povertà in un canneto vicino la riva di un fiume e per sopravvivere uccidono i soldati che si perdono in zona par rubare loro armi e armature..
Le donne aspettano il ritorno del loro ragazzo dalla guerra ma ricevono cattive notizie da un suo compagno che è riuscito a tornare vivo.
La giovane vedova e l'uomo sopravvissuto provano una forte attrazione e si incontrano ogni notte cercando di nascondersi agli occhi della suocera. La donna però scopre tutto e in preda ad una feroce gelosia e rabbia per il tradimento e l'allontanamento della nuora, cerca in tutti i modi di ostacolare i due amanti.
Un giorno l'anziana signora uccide un presuntuoso samurai che indossa la maschera di un demone e decide di usarla per spaventare la nuora e impedirle di allontanarsi ma il prezzo dell'inganno sarà molto caro.

Kuroneko.
Anche in questo film troviamo suocera e nuora ad aspettare il ritorno del loro ragazzo dalla guerra. Purtroppo però, in questo frangente, le donne non riescono a cavarsela perchè vengono aggredite da un branco samurai che le stupra e le lascia morire nella propria casa che va in fiamme.
Un gatto nero che viveva nei paraggi sembra offrire loro una possibilità di vendetta verso i samurai: le donne riassumono le proprie sembianze e con delle illusioni attirano i guerrieri in una trappola mortale.
L'inganno continua fino a quando la vittima che attirano è il figlio della donna e marito della ragazza che è riuscito a divenire samurai grazie alle sue eroiche gesta.
L'uomo ha il compito di sterminare coloro che fanno strage di samurai. Le donne, a causa del loro desiderio di vendetta, sono obbligate ad uccidere qualunque samurai incontrino..

Entrambi i film sono degli anni '60 e posseggono l'incredibile fascino del "bianco e nero". La sola visione offre un bellissimo spettacolo di scenari e inquadrature d'effetto.
Le storie mostrano la vita di donne sole che, cariche di frustrazione e angoscia, incontrano il paranormale.
Di certo godibili per chi è affascinato dal Giappone, la sua storia e il suo folklore.
*




Tutte le immagini che vedete in questo post sono pubblicate a puro scopo illustrativo... ^^'''

25 commenti:

  1. Il primo film sembra interessante, come il mini manga ^^
    I due film in bianco e nero sono un po' inquietanti ^^'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In film in bianco e nero sono molto inquietanti.. un po' perchè son vecchi, un po' per le inquadrature ad effetto; ti lasciano un po' con lo stomaco aggrovigliato!

      Elimina
  2. Tutta roba molto leggera ed estiva, insomma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi capita sempre "robetta leggera".. ma c'è stato anche di peggio.. ne parlerò prossimamente! ;p

      Elimina
  3. Picasso l'ho finito anche io ormai un paio di settimane fa e presto spero di trovare il tempo di scriverci su un post ^^ (a causa di impegni abbastanza seri non ho proprio avuto tempo >_<).
    Comunque concordo sul parere positivo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avrei tanto da scrivere su altre cose ma non ho trovato il tempo.. :s
      Spero che da te tutto si risolva.. ;)

      Elimina
  4. Mi ispira tutto *__*
    Sono in un periodo in cui leggerei\guarderei di tutto a tutte le ore ... ma il mio lavoro mi sabota XD (sono in ufficio da mezza giornata e già mi lamento XD)

    Comunque tengo presente il manga, l'avevo intravvisto ma poi non l'ho mai preso ma, essendo una miniserie, diventa molto acquistabile d'impulso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il manga è carinissimo.. secondo me potrà conquistarti! xD
      Anche io con il lavoro sono sempre nella cacca.. e in effetti le storie delle mie bambole sono ferme come anche tutto il resto... miseriaccia!!!!

      Elimina
  5. Dei film ho visto solo Kuroneko...
    Onibaba, le assassine credo che lo recupererò presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onibaba mi è piaciuto anche di più di Kuroneko.."piaciuto".. è uno strano termine per questo genere di film.. :p

      Elimina
  6. Genkaku Picasso è proprio bellino, ma di Furuya lo devo ancora leggere un manga brutto! (anche se in effetti Suicide Club è trashissimo).
    Onibaba e Kuroneko sono proprio bellissimi. Sono felice di averli visti (e ti consiglio di recuperare Ugetsu Monogatari, che per certi versi è affine a Kuroneko!). Di Matsuko ricorderò sempre le canzoncine assurde, in particolare "Happy Wednesday" XD
    https://www.youtube.com/watch?v=G98H0MHXc4U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe canzoncine lasciano il segno! Soprattutto se associate a tutto il resto! :p

      Elimina
  7. Annotati anche questi, ormai mi basta che li segnali tu e sono automaticamente certo della loro qualità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè.. insomma.. i miei gusti a volte non piacciono.. ahahaha.. sono un po' strani.. ^^

      Elimina
  8. Onibaba vorrei vederlo da anni... a 'sti punti urge recupero, con l'aggiunta del Gatto Nero! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non possono mancare nel tuo repertorio!!!! ;p

      Elimina
  9. Wow, sembrano tutti titoli molto interessanti! *.*
    Anche se l'ultimo film mi fa venire la depressione già solo leggendo la trama! :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah.. sono specializzata nei drammoni! xD

      Elimina
  10. Risposte
    1. E' bellissimo.. sono solo 3 numeri, devi recuperarlo!!!!

      Elimina
  11. Mi fa piacere leggere tante recensioni buone su "Picasso" perchè su Animeclick l'hanno parecchio martoriato e infatti non sapevo mai se prenderlo o no....magari per Natale mi compro in blocco tutta la serie ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è bellissimo non capisco proprio cosa c'è da martoriare.. ora sono curiosa, andrò a leggere cosa dicono.. ahahah!

      Elimina
  12. "Picasso" è veramente un bel manga^^!
    lo consiglio vivamente pure io: è molto poetico, ma al contempo tratta argomenti reali e difficili presenti nella quotidianità.
    Io lo scoperto casualmente in fumetteria^^, e lo comprato al volo (il fatto che siano 3 volumi aiuta parecchio).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti spesso mi ritrovo a scegliere serie anche in base al numero dei volumi perchè ho poco tempo e sempre meno spazio per le mie letture.. che cosa triste! ;_;

      Elimina
  13. Tutto mi interessa abbastanza, ma mi sa che per ora darò la precedenza ad altro.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...