domenica 31 maggio 2015

Top Maggio 2015

Ho visto il film giapponese Instant Swamp.
Dopo aver perso il suo lavoro in una casa editrice, Haname viene informata che sua madre è in coma perchè è caduta in uno stagno mentre cercava di catturare un Kappa (uno spirito dell'acqua) da mostrare alla sua scettica figlia.
Mente sembra che tutto vada a rotoli nella vita della protagonista, viene ritrovata una vecchia lettera della madre indirizzata ad un uomo che, a quanto pare, è il vero padre di Haname.
La ragazza, eccitata e incuriosita da questa novità (e speranzosa che sia ricco), cerca il suo vero padre e scopre che si tratta di un uomo trasandato che gestisce un negozio di antiquariato (da leggere "cianfrusaglie" o "spazzatura").
Haname prova a conoscerlo spacciandosi per una lontana parente e, affascinata dalla storia di alcuni oggetti d'antiquariato, apre a sua volta un piccolo negozio.
Quando suo padre decide di lasciare l'attività, affida ad Haname la chiave di un magazzino in cambio di denaro e quella che sembrerà la truffa più incredibile della storia, si rivelerà un tesoro prezioso che cambierà l'ottica di vita della ragazza.

Il film ha una trama molto graziosa e dei personaggi davvero simpatici ma pecca terribilmente per vuoti, scene inutili e parti tremendamente lente nella regia.
Haname è un personaggio spensierato e divertente; nelle sue sciagure non si perde mai d'animo e ci mostra che la felicità è esattamente dove noi decidiamo di trovarla.
Il finale del film è sorprendente.. penso che sia stato un piccolo colpo di genio.. peccato che tutto sia rovinato dalla lentezza generale della pellicola.
*



Altro film giapponese è Father and Son.
Ryota Nonomiya è un uomo ossessionato dal successo e pretende che suo figlio Keita, di soli 6 anni, debba eccellere in ogni campo.
Il piccolo Keita ammira tantissimo suo padre e si impegna al massimo per rispondere alle sue aspettative ma con scarsi risultati.
Un giorno, l'ospedale dove Keita è nato, comunica alla famiglia che quello non è il loro vero figlio perchè il giorno della nascita è stato erroneamente scambiato con un altro neonato.
Il vero figlio di Ryota si chiama Ryusei e vive in una modesta ma numerosa famiglia.
Come concordato con l'ospedale e l'altra famiglia, Ryota vuole scambiare i bambini e riavere il sangue del suo sangue che avrà certamente ereditato il suo talento e sarà più propenso ad ottenere il successo sperato.
..ma sarà davvero possibile far finta che quei 6 anni vissuti con Keita non siano mai esistiti?

Questo film è davvero splendido.
Mi è piaciuto molto.
Vengono mostrati i diversi tipi di rapporto che si possono instaurare fra genitori e figli, i diversi tipi di educazione che si possono impartire.. ma la cosa che resterà costante è l'amore che viene a crearsi in una famiglia e soprattutto verrà evidenziato quanto un bambino possa essere legato ai suoi genitori anche se questi non hanno ancora imparato a esserlo nel modo giusto.
Personalmente penso che valga la pena di guardarlo. Anche se in apparenza può sembrare un film un po' triste e duro per il delicato tema affrontato, saprà emozionarvi in maniera positiva.
*



Ho letto il manga in un volume unico La città della luce di Inio Asano.
La Città della luce è un quartiere residenziale ricco e tranquillo che affascina chiunque ci passa da vicino. Vivere in uno di quegli appartamenti così ben illuminati è un sogno che non tutti possono permettersi.
Quello che però ad occhi esterni sembra rappresentare la felicità, è in realtà il covo di drammi che possono colpire chiunque.

Il volume contiene alcuni racconti brevi sottilmente collegati fra loro e ambientati tutti nella Città della luce.
Le storie proposte sono molto mature e molto profonde perchè altalenano sul senso della vita.
Ogni azione, ogni gesto può essere importante e decisivo in base al nostro modo di interpretarlo; ma per una vita effimera come la nostra, tutto quello che facciamo, serve davvero a qualcosa?
Ovviamente la risposta è soggettiva per ogni uomo ma l'autore cerca di cogliere vari punti di vista.
Un manga adulto e molto ben realizzato.
Il senso di lettura è da destra verso sinistra.
*




Tutte le immagini che vedete in questo post sono pubblicate a puro scopo illustrativo... ^^'''

18 commenti:

  1. Il secondo film mi ispira di più ^^
    La trama del primo mi piace, ma la lentezza non riuscirei a sopportarla XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo è bello e toccante.. mi è piaciuto un sacco!

      Elimina
  2. Il secondo film mi ispira tantissimo, sembra davvero interessante :D
    I tuoi suggerimenti sono sempre particolari :D

    La città della luce l'ho letto e mi è piaciuto. Asano non delude mai (a volte è un po' criptico ma non delude)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagina che il secondo film è talmente "famoso" che è stato proiettato anche nei cinema italiani (ovviamente non quello del mio paese).. si trova facilmente il dvd nei negozi!

      Io non avevo ancora mai letto nulla di Asano.. in effetti è un po' criptico ma mi è piaciuto.

      Elimina
  3. Il secondo film ispira anche me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è veramente bello.. spero che potrai guardarlo perchè penso davvero che ti piacerà!

      Elimina
  4. Oh, il manga mi attira molto (amo le storie sui posti tranquilli di facciata che nascondono poi chissà cosa!), mentre il secondo film che descrivi ha una trama davvero intensa, se espressa alla grande! Che poi i giapponesi sentono molto competizioni e cose analoghe, quindi immagino che sia una storia tosta.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta tanto ho beccato un manga che potrebbe piacerti! :p
      Il film è tosto ma è fatto bene.. davvero bello!

      Elimina
  5. Provo a segnarmi entrambi i film, sperando di recuperarli presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo film ha un bel potenziale ma è sfruttato male.
      Il secondo è perfetto! ;)

      Elimina
  6. Istant Swap, come dicevo a Yue, non mi è piaciuto..."Father and Son" cosi cosi, forse avevo aspettative troppo alte, ma alcune parti le ho trovate davvero troppo lente e i doppiatori italiani non hanno di certo fatto un ottimo lavoro.

    "La città della luce" è uno dei volumi di Asano che mi piace di piu' :) Lo comprai quando usci' per la Kappa Edizioni nella collana "Manga San", davvero un ottimo volume, molto consigliato a tutti^^.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il doppiaggio italiano dei film asiatici è sempre strano.. non so perchè li doppiano in un modo così assurdo.. :s

      Elimina
  7. Il secondo film volevo vederlo, ma ancora non mi è capitata l'occasione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che potrai vederlo.. è davvero bello.

      Elimina
  8. Tre titoli interessanti, prendo nota! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto carini.. spero solo che il primo non ti annoierà per la sua lentezza.. ;p

      Elimina
  9. Mi ispirerebbe molto il primo film, peccato che non sia il massimo della regia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sarebbe stato bellissimo se non avesse avuto dei vuoti così lunghi da far venire sonno.. ahahah!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...